Io con l'Altro no 2 / ex-officinaarte via Cantonale 57 Magliaso


1 - 23 marzo 2014

apertura sabato 1 marzo ore 16.00 -19.00 con il saluto di Patrizia Berger, Presidente di Autismo Svizzera Italiana (asi) e Flavia Zanetti

orari: sabato e domenica 14-17 e mercoledì 19 -21 e su appuntamento  091 6064602/ 079 3370073   info@officina-arte.ch/ info@autismo.ch 

organizzazione asi, Autismo Svizzera Italiana e Fondazione ARES

allestimento a cura di Flavia Zanetti


Io con l'Altro è una messa in comune di tempo, emozioni, gesti, sguardi, parole, materiali, colori, tradodici artiste e altrettante persone con autismo, finalizzata a creare un lavoro coerente che possiamo senza dubbio definireartistico.

 

L'idea è stata lanciata a inizio 2013 da asi, ha vissuto una prima uscita pubblica nel Palazzo comunale di Bellinzona l'anno scorso e ora si presenta aMagliaso con un allestimento che valorizza e dà dignità profonda alle pitture, ai collage, alle installazioni create allo scopo di cercare, tra le coppie dipersone coinvolte, quel filo diretto comunicativo che le persone con autismo faticano tanto a trovare.

 

Michele e Shendra Stücki, Irene e Ivana Taglioni, Sonia e Beatrice Lancini Balbi, Alvise e Veronica Tanzi, Luca e Aglaia Haritz, Mara e GabrielaCarbognani Hess, Nicoletta e Simonetta Martini, Jan e Simona Bellini, Eric e Daniela Carrara, Melani e Marisa Casellini, Dario e Silvia Paradela, Alice eMirella Marini, sono i protagonisti/e di questa avventura umana e artistica.

Io con l'Altro risponde a scopi precisi riassunti qui di seguito.

  • La presentazione della disabilità legata all'autismo, in tutte le sue forme, che esige risposte adeguate e individualizzate, sempre necessarie, per conoscerla e capirla profondamente.

  • La valorizzazione dei lavori esposti, l'informazione, il luogo dove sostare in un ambiente gradevole per incontrare l'Altro, pensati proprio per tutte le età.
  • L'urgenza di raccogliere i fondi necessari all'organizzazione della colonia estiva 2014, su misura per ogni partecipante, per mezzo di una forma di asta continuata.

I visitatori potranno, a loro volta, se lo desiderano, creare piccoli lavori per dialogare idealmente con l'esposizione che verranno appese dando origine  ad un'opera unitaria.

Ringraziando vivamente per l'attenzione asi, ARES e ex-officina  invitano a venire in galleria, partecipare e diffondere questa informazione.            

 

                                                                                                         Flavia Zanetti 



Eric e Daniela Carrara

Un Campo di Forze

scultura in terracotta e materiale plastico 40 x 50 x 50

tela in tecnica acrilica, 40x 50

L’incontro con Eric è avvenuto in “punta di piedi”, con grande tranquillità, come d’altra parte é il suo carattere: timido, sensibile e riservato.  Una lunga chiacchierata per conoscerci e discutere sulla vita, con grande piacere ho appreso che Eric sta preparando la maturità professionale di elettricista e che ama molto la matematica!!! Che sorpresa e che piacere apprendere ciò! E cosa gli piace fare con gli amici durante il tempo libero .  Il lavoro che abbiamo svolto (una prima parte assieme in Atelier a Locarno quadro 50x70 cm) è nato proprio sugli spunti della  chiacchierata fatta I PIACERI DELLA VITA .I cerchi sono i “Piaceri “che fluttuano nello spazio dove sono stati scritti i nomi dei più cari amici e famigliari!

Il lavoro che ho svolto in un secondo tempo nel mio Atelier a Salorino è nato dall’osservazione di Eric e la simpatica chiacchierata; la sfera è il suo mondo riservato,  al centro della sfera,  la vita fatta di amici,  sentimenti,  un mondo molto inteso  e concentrato, ho voluto adoperare i materiali che Eric utilizza quando lavora. La spirale (realizzato con il tubo blu da elettricista) come formula matematica (esempio: spirale logaritmica ) i cavi elettrici come  forza che  avvolgono il piccolo mondo, un CAMPO DI FORZA.

La luce interna vuole dare luce al mondo di Eric per la forza e sensibilità con cui si esprime e affronta la vita!

Daniela Carrara



Melani e Marisa Casellini

"Sosta"- cappelletta con due fiori

tela a tecnica acrilica 50 x 40  

scultura a tecnica mista, legno, tessuti 36 x20 x10

Le cappellette invitano il passante ad una sosta. Ciò che si può ammirare, prima delle immagini sbiadite dal tempo, sono i fiori a volte di plastica appoggiati all'interno della cappelletta da chi crede nella sosta, nella riflessione e nella preghiera.

Anche Melanie ha appoggiato due fiori in uno spazio "sospeso" di sosta che in quel momento stava vivendo, forse con riflessione, forse con perplessità ma con sicura sensibilità.

Marisa Casellini



Irene e Ivana Taglioni

INCONTRO TRA FIORI

acrilico su tela 40x50

fotografie  su kapafix 20x20

Irene ed io ci siamo incontrate il primo giorno di primavera, quello del 2013 era una giornata luminosa. Un incontro dedicato all’arte che ha anche lasciato spazio a parole ed emozioni di fluire nella massima spontaneità.

Irene ha espresso il desiderio di disegnare una margherita dicendo però di non esserne capace. ”Io neppure, cara Irene, ne sono capace!”,  senza pensarci troppo lei ha disegnato girasole e tulipano, fiori che le riescono bene, e io ho avuto lo spunto per il mio lavoro.

La semplice e umile margherita, unita ai versi poetici e alle litanie popolari rappresentano i temi emersi durante il nostro incontro e sono il soggetto del mio lavoro

Ivana Taglioni



Dario e Silvia Paradela

L’altro, Lo stesso (J.L. BORGES)

acrilico su tela, 40 x 50 e carta su cartone alveolare - 40 x 50