UN PAESAGGIO RITROVATO    

A Demonte e in Valle Stura sulle tracce di Lalla Romano

Fotografie di Alessandro Vicario

Mostra a cura di Antonio Ria

Officinaarte Magliaso dal 21 ottobre al 19 novembre 2006

inaugurazione:     sabato 21 ottobre ore 16

serata di lettura:  mercoledì 8 novembre ore 20.15



Con Un paesaggio ritrovato. A Demonte e in Valle Stura sulle tracce di Lalla Romano, il fotografo italiano Alessandro Vicario torna sulle tracce della grande scrittrice scomparsa nel 2001. Questo lavoro è l’ideale sviluppo del precedente Paesaggi d’assenza. Sulle tracce di Lalla Romano (pubblicato dall’editore locarnese ELR Edizioni Le Ricerche nel 2004 ed esposto in numerose mostre, sia in Svizzera sia in Italia), del quale riprende, non a caso, una parte del sottotitolo. Soggetto e fonte di ispirazione di Paesaggi d’assenza erano gli interni domestici della casa milanese di Lalla Romano. In questo nuovo lavoro, invece, Vicario rivolge la sua attenzione ai luoghi dell’infanzia della scrittrice, in particolare al suo paese natale Demonte, in Valle Stura, nel Cuneese: paesaggi, atmosfere, colori che esercitarono un’influenza decisiva nella formazione della sensibilità di Lalla Romano scrittrice e pittrice.
Ancora una volta, le fotografie di Alessandro Vicario non si limitano a documentare, ma creano una naturale continuità poetica con la scrittura di Lalla Romano.
La mostra, uno degli eventi promossi dal Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Centenario della Nascita di Lalla Romano, istituito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, è accompagnata da un catalogo edito da Weber & Weber (Torino), a cura di Antonio Ria, con testi del critico d’arte e della fotografia Gigliola Foschi, dello studioso di letteratura Giovanni Tesio, della gallerista Flavia Zanetti e dello stesso Vicario. Le relazioni tra la scrittura di Lalla Romano e le immagini di Vicario sono ampiamente esaminate nei contributi pubblicati. Come nota Giovanni Tesio: “Vicario non cerca corrispondenze reali, ma la più enigmatica strada delle affinità”. E  Gigliola Foschi aggiunge: “Il lavoro di Alessandro Vicario dà vita a una sorta di interazione mimetica con la scrittura di Lalla Romano, a un proseguimento della sua poetica trasfigurata in termini visivi”.
L’esposizione a Officinaarte, la prima in assoluto di questa ricerca di Vicario, comprende una selezione delle 48 immagini a colori pubblicate in catalogo ed è completata da alcune delle fotografie scattate dal padre della scrittrice Roberto Romano all’inizio del ’900.

Con il patrocinio e il contributo di:
Ufficio Federale della Cultura
Repubblica e Cantone del Ticino
Percento Culturale Migros
Associazione Amici di Lalla Romano
Comune di Demonte (Cuneo)
Comunità Montana della Valle Stura


Apertura: sabato e domenica ore 14-17  
              merc.ore 20-22  e su appuntamento tel +4191 606 4602 info@officina-arte.ch


013 016A 044 049 061
062A 123B 167 169 208D
226A 251A 254P 267 287

Cliccare su un'immagine per ingrandirla

Comunicato Stampa (doc)

Press Release (doc)

Nota Biografica Vicario (doc)

Biographical Note  Vicario engl.(doc)

invito per la serata di lettura (doc)

Via Cantonale 57 CH-6983 Magliaso (Lugano)
tel. e fax +41(091)6064602 cell.+41(0)792346311 www.officina-arte.ch, e-mail:info@officina-arte.ch